È l’ora del gusto con i menù di tradizione a prezzo fisso

Un aperitivo da Zucca in Galleria, un risotto giallo al Boeucc, un caffè da Cova e uno spuntino da Peck: la Milano della tradizione risiede anche nei luoghi del gusto. Ne è convinto il Comune, che nell'ambito degli eventi di «CentoMilano» organizza fino a domenica 14 un percorso attraverso la Milano del gusto. Oltre 40 ristoranti e trattorie cittadine - elencati sul sito del Comune, www.comune.milano.it - offriranno la degustazione di un menù completo della tradizione milanese a prezzo fisso: «Ci sono menù per tutte le tasche - garantisce Alfredo Zini, presidente di Epam, l'associazione dei ristoratori milanesi -, dai 10 euro nelle trattorie di periferia ai cinquanta dei ristoranti del centro. Quello del menù tradizionale a prezzo fisso è un progetto che speriamo si consolidi a Milano, a vantaggio di turisti e no». La settimana del gusto prevede anche inziative culturali. All'Acquario Civico c'è la mostra fotografica «I milanesi che mangiano»: 70 immagini d'epoca che illustrano il rapporto dei meneghini con il cibo. Sabato 13 (ore 10.30), ci sarà alla biblioteca Sormani l'incontro «Carlo Porta e Risotto giallo», con Giovanna Ferrante. Il tutto in concomitanza con un altro evento legato al cibo, la Milano Food Week, con spazi dedicati a singoli settori: CoffeeMi in Galleria fino a venerdì, PanMi ,dall’11 al 13 al casello di Porta Venezia, dove maestri panificatori terranno un laboratorio sul pane; EatMi, TasteMi, BeerMi e FeedMi, spazi di degustazione di cibo, vino, birra accompagnati da dibattiti e incontri all'Umanitaria in via San Barnaba.