È l’ora di tornare a «fare» Sull’esempio di Henriquet

Caro dott. Lussana, vorrei anch'io esprimere molto brevemente il mio modesto pensiero sull'acceso dibattito in corso circa il comportamento tenuto dalla «nostra» opposizione nei confronti della giunta guidata da Marta Vincenzi che, dopo l'exploit dell'ultimo dell'anno, si è esibita anche come mediocre cantante! Sono state dette e si continuano a dire tante, tantissime parole: troppe! Ma fatti, almeno finora, se ne sono visti pochini pochini. Sarebbe quanto mai opportuno seguire l'esempio di un molto noto personaggio di Genova che, per strappargli una sola frase, occorre sottoporlo a durissima tortura: Franco Henriquet! È giunta l' ora di cominciare a «fare» e smetterla di continuare a «dire», proprio come si comporta il citato Presidente della benemerita Associazione «Gigi Ghirotti» il quale si è ampiamente dimostrato maestro di azione e di realizzazione senza fare tante ciancie. I politici interessati si diano quindi una bella regolata e, mi si passi la battuta vetero-militaresca, «alzino le chiappe e si diano una mossa» nell'esclusivo interesse della città, smettendola una buona volta di accampare più diritti che doveri.
Tutti noi gliene saremo infinitamente grati!
Molto cordialmente