L’Orchestra di Kiev nell’Oltrepo

Il concerto a Oliva Gessi per il Festival Ultrapadum

Valeria Pedemonte

Il concerto lirico-sinfonico che si svolge domani sera alle 21.15 nell'Antica Corte «Cò Dà Dlà» di Oliva Gessi (Pavia), potrebbe essere motivo per una gita fuori porta nell'Oltrepo pavese, in Borgo Oliva - appunto - luogo che vanta una storia antica, visto che era già abitato in età romanica.
A rendere internazionale il concerto ci pensa l'Orchestra Sinfonica di Kiev, diretta da Vitalij Skakum che con i giovani vincitori del Concorso internazionale «Poiana Lirica 2006» daranno vita ad arie, duetti, sinfonie tratte dal repertorio italiano e russo. L'Orchestra Sinfonica di Kiev vanta prestigiose collaborazioni con artisti quali Salvatore Accardo, Maurizio Pollini, Bruno Canino.
Il concerto di domani sera fa parte del collaudato Festival Ultrapadum che, da alcuni anni, dissemina serate concertistiche nei borghi del comune di Pavia. C'è poi una tradizione molto bene accettata dagli spettatori: la consuetudine di offrire a tutti i presenti un brindisi a base dei pregiati vini del luogo, compreso il ben noto Riesling di Oliva, come dire: qualità, storia, cultura e tradizione. Non occorre essere grandi bevitori per apprezzare, dopo un buon concerto, in questa calura estiva, un buon bicchiere di nettare degli dei o... degli amanti della musica.
Ascoltare buona musica in un cortile antico significa fare un tuffo nel passato: un passato che racconta vicende semplici, ma anche storiche. Sì, infatti i fatti raccontano che il nome Oliva compare per la prima volta in un diploma di Ottone III del 998. Gessi, invece, sarà aggiunto in fine Ottocento e deriva dalla presenza in zona di affioramenti di gesso.
Il paese, infine, venne - come si dice oggi, a proposito e a sproposito - «ristrutturato» - a partire dalla seconda metà del 1700, quando al posto delle esistenti casupole si vollero realizzare gli attuali complessi.
Vanto di Oliva Gessi è San Luigi Versiglia, il vescovo canonizzato nel 2000.
Anche solo queste poche notizie potrebbero indurre i milanesi ad andare in questo paese per gustare storia, vino e buona musica con la voce di un'Orchestra che viene da lontano e che vorrà esprimere il suo meglio per dar vita ad appassionati duetti di musica italiana e struggenti arie del repertorio russo: un connubio tutto da scoprire ed un'esperienza che vale la pena provare.
Orchestra Sinfonica di Kiev, Festival Ultrapadum, Oliva Gessi (Pavia), info 0383-45112, domani ore 21