L’Orchestra di Roma e del Lazio propone un Rossini «teen-ager»

Rossini, Haydn e Rota per il nuovo concerto dell’Orchestra di Roma e del Lazio che domenica si esibirà alla Sala Sinopoli del Parco della musica. Sul podio Daniele Giorgi che dirigerà insieme al complesso romano, anche il contrabbassista solista, Alberto Bocini. Un’occasione eccezionale per ascoltare Bocini, che è primo contrabbasso dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e docente presso la Scuola di Musica di Fiesole, esibirsi su un contrabbasso italiano anonimo dei primi del Settecento con un arco di Giovanni Lucchi. Ad aprire il programma la Sonata a 4 in re maggiore op. 6 che Gioacchino Rossini compose nel 1804, appena dodicenne, per un quartetto d’archi, prima, e per un ensemble, poi. A seguire il Divertimento concertante per contrabbasso e orchestra di Nino Rota, meravigliosa pagina della musica cameristica, e la sinfonia «La Pendola» n. 101 in re maggiore di Haydn, curiosa e ritmata partitura che prende nome proprio dal ticchettio metronomico. Guidato dall'esperienza di Giorgi, Bocini si dedicherà a questa curiosa interpretazione di classiche eppure nuove sonorità per il suo strumento che dalla delicata musica da camera sconfina nella magniloquente musica sinfonica.