L’organo di autogoverno delle toghe

Roma. Il Consiglio superiore della magistratura è l’organo di governo autonomo della magistratura ordinaria al quale spettano, secondo le norme dell’ordinamento giudiziario, le assunzioni, le assegnazioni e i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati, come prevede l’articolo 105 della Costituzione. Il Csm è composto da: il presidente della Repubblica, che lo presiede; il Primo Presidente della Corte di cassazione; il Procuratore generale della Corte di cassazione; otto componenti di nomina parlamentare (detti membri laici); sedici componenti eletti dai magistrati (detti membri togati). La durata in carica dei membri elettivi è fissata dalla Costituzione a 4 anni, con il divieto di immediata rieleggibilità.