L’oro aspetta la Bce

Seduta senza grandi scosse per i metalli. In particolare, quelli preziosi attendono le decisioni della Bce in tema di costo del denaro. Se il differenziale tra i tassi di interesse Usa e quelli dell’eurozona dovesse ridursi, gli operatori vedono chance rialziste per l’oro, già tornato nell’area di 630 dollari l’oncia. Altro fattore di sostegno le tensioni geopolitiche innescate dai test missilistici della Corea del Nord. Solido il trend dei metalli di base con il rame a ridosso dei 7.500 dollari per tonnellata.