L’oro aspetta i dati Usa

Seduta senza scosse per l’oro con il fixing in modestissimo rialzo a 426,25 dollari l’oncia. Il metallo giallo non ha assoluamente sfruttato l’indebolimento della valuta Usa. Secondo gli operatori, la prossima direzione del mercato dipenderà dai prossimi dati sul commercio estero americano. Se il rosso delle partite correnti Usa dovesse peggiorare, non si esclude una nuova fiammata per i prezzi dell’oro. Stabile il rame a 3.370 dollari per tonnellata metrica. In rialzo il greggio verso quota 60 dollari al barile.