«L’oro dell’anima»: icone russe dal XIV al XVIII secolo a Bergamo

Promette di essere una scoperta la versione «interattiva» del Gatto con gli Stivali firmata da Ludwig Tieck per la regia di Carmelo Rifici: la fiaba di Perrault sarà in scena al teatro Studio da oggi al 1° aprile. Domani, invece, a percorrere le «lunghe leghe» saranno gli acrobati di Rain del Cirque Éloize, allo Strheler anche sabato 14 con uno show circense con suggestioni da Belle Epoque. Mercoledì tutti in corso Magenta, prima al 63, al Centre culturel français, che ospita ARTuro, saggio delle curiose opere in plastica di Régis; poi al 15, per una visita al museo archeologico (ore 15) e alla torre poligonale che conserva affreschi del XII secolo. Giovedì alla Mediateca di Santa Teresa si legge in latino: tocca a Virgilio con la caduta di Troia, dal secondo libro dell'Eneide. Domenica c'è un buon motivo per una gita a Bergamo dove, lo Spazio Viterbi, inaugura la mostra di Icone russe L'oro dell'anima, con capolavori dal XIV al XVIII secolo provenenti dal Tretyakov di Mosca.