L’oro insegue l’inflazione

La settimana si chiude con un raffica di rialzi. Il petrolio ha segnato i nuovi massimi storici. Fiammata anche per le merci agricole: mais da primato e soia al top dei tre mesi. Uno scenario inflazionistico ben interpretato dall'andamento dei tassi a breve termine. Nell'Eurozona, il costo del denaro a tre mesi è salito al 4,96%. Un livello che incoraggia gli investimenti in euro e deprime il dollaro. Così i metalli preziosi sono tornati a correre e l'oro si è riportato a ridosso di quota 900 dollari l'oncia.