L’Osservatorio di Milano contro la tassa Striscioni e slogan in Cinque giornate

Protesta con blocco stradale contro l’Ecopass. È quanto ha messo in atto ieri Massimo Todisco, direttore dell’Osservatorio di Milano; e se il blocco stradale non è stato troppo massiccio (circa tre minuti di intralcio della circolazione in piazza Cinque Giornate), le proteste sono state più corpose: «È una tassa ingiusta, inefficace e immorale. Ingiusta perché colpisce i redditi più bassi, inefficace perché sposta, senza diminuirlo, l’inquinamento nelle aree più esterne, e immorale perché, vendendo la licenza di inquinare, commercializza la salute». Supportato nel bocciare l’Ecopass dai dati raccolti dall’Osservatorio (secondo i quali la qualità dell’aria non è migliorata né migliorerà) Todisco ha ribadito l’intenzione di fare ricorso al Tar, dopo che l’iniziativa analoga di novembre fu respinta: «Al Tar della Lombardia ci hanno riconosciuto che il ricorso ha motivi validi, e che se presentiamo entro aprile una documentazione che dimostra che l’inquinamento non diminuisce e che i mezzi pubblici non sono più efficaci, il ricorso potrà essere accolto».