L’Ucraina impone restrizioni alla flotta russa

Kiev. Il presidente ucraino Viktor Yushchenko ha decretato l’obbligo per la flotta russa del Mar Nero di fare domanda almeno dieci giorni lavorativi in anticipo per potersi muovere al di fuori della base a Sebastopoli e Odessa, in Crimea. Un decreto che ha suscitato forti critiche da Mosca: «Si tratta di una decisione dettata da motivazioni politiche sballate», ha riferito una fonte del ministero degli Esteri. La flotta russa del Mar Nero è tuttora basata in Crimea, penisola ucraina a maggioranza russa, in base a un accordo che prevede lo stazionamento delle navi sino al 2017.