L’Udc rivuole l’assessore presto incontro della Cdl

Si sono visti, hanno parlato, ma per ora non hanno risolto nulla. L’incontro al Pirellone tra il governatore Roberto Formigoni e la delegazione dell’Udc lombardo si è concluso insomma con una decisione interlocutoria: la richiesta espressa dal partito di Casini sulla possibilità di ottenere nuovamente un proprio assessore in giunta dopo la fuoriuscita dal partito di Domenico Zambetti passato alla Dc (e attuale assessore all’ambiente) sarà infatti materia di discussione in un prossimo incontro di tutti i segretari della Cdl. Riunione che però il governatore non pare intenzionato a convocare prima del voto nazionale del prossimo 9 aprile. Tutto rimandato quindi a dopo l’appuntamento elettorale.
«L’Udc sia stata e sia partecipante a pieno titolo e con pari dignità all’alleanza di centrodestra che governa la Regione - ha sottolineato la presidenza regionale attraverso una propria nota - e quindi è giusto che questa richiesta dell’Udc sia esaminata al tavolo dei segretari dei partiti della coalizione». L’Udc, dal canto suo, ha informato il governatore col proprio segretario lombardo Luigi Baruffi che scriverà una lettera in tal senso ai segretari regionali della Casa delle Libertà, richiesta che sarà appoggiata da Formigoni.
Durante l’incontro di ieri non è stato invece toccato il tema della candidatura di Formigoni al Senato, «in quanto attiene solo a Fi», aveva detto Formigoni, ricordando che «già Casini si candidò alle Europee 04 esercitando l’opzione successivamente senza coinvolgere gli altri partiti».