L’Udinese di Malesani abbatte il Toro

Friulani devastanti L’Europa è più vicina

Micidiale Udinese. Contro il Toro infila il secondo successo consecutivo dell'era Malesani (3-2) e si rilancia in zona Champions facendo precipitare i granata nel dramma: per la truppa di Zaccheroni, quarto ko in cinque partite e la sensazione che certi limiti siano difficili da superare. Per i friulani l'assenza di Iaquinta, Pinzi e Felipe è mascherata alla grande: Barreto (poi infortunato alla caviglia destra), Obodo e Muntari hanno dominato la scena e la difesa ha sbandato solo nei primi minuti. Ovvero quando il Toro avrebbe anche potuto passare in vantaggio se Barone non avesse sparato in curva un pallone servitogli dal solito Rosina. Sciupata quella chance, dopo il palo sfiorato da Ardito, il Toro subiva poi un uno-due terribile: lo confezionavano, scambiandosi gli assist, prima Obodo e poi Barreto. Chiuso il primo tempo in vantaggio di due reti, l'Udinese aveva poi gioco facile nel controllare il gioco: arrivava anche il gol di Asamoah (in fuorigioco) a rendere l'ultima mezz’ora una pura formalità, prima che Abbruscato si svegliasse dal torpore e segnasse due reti buone solo per le statistiche.