L’Udinese rimedia con Asamoah

Udine. Finisce in parità la sfida tra due aspiranti alla zona Uefa: ma se una squadra può recriminare questa è l’Udinese, mentre il Palermo appare ancora in difficoltà nell’esprimere il suo potenziale. L’Udinese sfiora subito il vantaggio: dapprima Fontana respinge su Di Natale, poi Asamoah dà l’illusione del gol, ingannando pure lo speaker, che fa partire la musichetta d’ordinanza. Ma, quando il cielo sembra essere bianconero, il Palermo passa: D’Agostino perde palla, Bresciano invita Amauri che trafigge Handanovic. Stordita, la formazione di Marino ci mette un po’ a riproporsi e, quando succede, Di Natale e Felipe, entrambi a pochi centimetri dalla porta, peccano di precisione. Si apre la ripresa e il Palermo è subito insidioso: Caserta ci prova dal limite, ma Handanovic smanaccia in angolo. Al 20’ il pareggio. Di Natale è astuto ad affrettare una punizione, mettendo Asamoah in condizione di giocare l’uno contro uno con Barzagli: il ghanese ubriaca di finte il capitano rosanero e scaraventa in rete.