L’Ue apre un’indagine sui voli per la Sardegna

Migliora a giugno l’indebitamento netto dell’Alitalia. Si riduce la cassa

da Milano

Si riduce l'indebitamento dell'Alitalia. La posizione finanziaria netta del gruppo al 30 giugno è risultata pari a 896 milioni di euro, 18 milioni in meno (2%) rispetto alla situazione al 31 maggio 2006, pari a 914 milioni. È quanto ha comunicato la compagnia, che fa parte dell’elenco di società sotto osservazione da parte della Consob. La disponibilità e i crediti finanziari a breve del gruppo al 30 giugno sono pari a 879 milioni, ed evidenziano una riduzione riconducibile prevalentemente - dice la nota, senza fornire dettagli - all’attivazione di un investimento a medio-lungo termine (circa 18 mesi) di 55 milioni al fine di ottenere una remunerazione particolarmente vantaggiosa, e conseguentemente migliorare le condizioni complessive di impiego della liquidità gestita.
Ieri la Commissione europea ha deciso di avviare un procedimento formale d’indagine sulle norme imposte dall’Italia, il 2 maggio scorso, per 16 collegamenti aerei tra tre aeroporti della Sardegna e grandi aeroporti dell’Italia continentale. La Commissione nutre «seri dubbi» sulla conformità degli oneri di servizio pubblico italiani con le norme del mercato dell’aviazione e ritiene che tali oneri possano avere per effetto la chiusura del mercato dei trasporti aerei verso la Sardegna.