L’ultima dei Litfiba: «El diablo» è Silvio Il Pdl contrattacca

Vade retro Liftiba. Almeno dalla Sicilia visto che, proprio nell’Isola, in provincia di Palermo (precisamente a Campofelice di Roccella), la band avrebbe attaccato pesantemente il governo e il Cavaliere. A lanciare l’anatema è un assessore provinciale del Pdl Sicilia, Eusebio Dalì. Che, furibondo dopo il concerto, ha preso carta e penna invitando i sindaci siciliani a non invitare più Piero Pelù & C. «I Litfiba – ha sottolineato il politico – hanno offeso l’intelligenza dei giovani siciliani». Secondo l’assessore, «il chitarrista Renzulli e il cantante Pelù sono venuti in Sicilia a fare  propaganda politica, con la tipica presunzione di chi crede di essere depositario di verità assolute. Invito i sindaci della Sicilia a non ospitare più artisti che hanno  come unico scopo il pontificare, predicare e fare lotta politica, servendosi di quella potentissima arma che è la musica».