L’ultima follia dell’anno: un cenone con i grandi chef

Capodanno in compagnia dei grandi chef. Per chi ancora non sa che fare l’ultimo dell’anno, per chi il palato viene prima di tutto, per chi l’occasione fa l’uomo ghiotto, per chi se non si fa la botta di vita l’ultimo dell’anno quando?, ecco una serie di proposte per trascorrere la notte che ci traghetterà dal 2006 al 2007 in alcuni dei migliori ristoranti romani. E se i prezzi in alcuni casi possono sembrare eccessivi, ricordate quello che dicevano i romani: semel in anno licet insavire. Una volta all’anno vale la pena impazzire.
E da impazzire è la proposta del numero uno degli chef romani, Heinz Beck della Pergola del Cavalieri Hilton (via Cadlolo 101, tel. 0635092152), che sciorinerà il meglio della sua arte: otto portate tra cui Carpaccio di spigola con fagioli cannellini e tartufo bianco d’Alba; Infuso di vitello, erbe e fave di Tonka con tartare di tonno e sorbetto al tè verde; Filetto di triglia ripieno di caviale su purea di carciofi e Petto di piccione su arance tiepide con salsa al vin brulé. Il tutto a 1100 euro a persona, compresi vini selezionati e Champagne Dom Perignon. Con in più musica dal vivo, pista da ballo e fuochi d’artificio dalla terrazza più alta di Roma.
Notte di emozioni gastronomiche anche quella dell’Altro Mastai (via Giraud 53, tel. 0668301296) dove lo chef Fabio Baldassarre propone uno speciale menu degustazione con elementi pregiati sposati a prodotti di stagione, come Merluzzo all’olio, limone e caviale Beluga, Risotto Carnaroli al tartufo bianco d’Alba e Cartoccio di cicerchie al finocchietto con gamberi e latte di mandorle. A mezzanotte Champagne Ruinart, Lenticchie e cotechino e Pandoro fatto in casa. Il tutto a 300 euro a persona. Con altri 60 euro ci si assicura una selezione di vini di altissimo livello.
Da Giuda Ballerino! (via Marco Valerio Corvo 135, tel. 0671584807) lo chef Andrea Fusco propone Capesante con spuma di mortadella e basilico croccante; Merluzzo marinato al caffè con spuma di pomodori e capperi, olio al limone; Scaloppa di fegato grasso d’oca con banana, caffè e banana croccante; Ravioli con pomodoro confit burrata su salsa di tartufo nero e sogliola croccante; Ostriche in tempura su salsa di rapa rossa, zabaione di bacon e salvia; Stracotto d’agnello con patate, carciofi croccanti e salsa di liquirizia; Biscuit di torrone con salsa di cioccolata calda e flute di Champagne iniziale. Costo 150 euro.
Al Palazzetto (vicolo del Bottino 8, tel 06699341000) lo chef Vincenzo Di Tuoro punta su un menu internazionale, con Rosette di Tonno appena scottate e marinate con Millefoglie di Patate, Carciofi e fegato grasso, assaggio di caviale; Mezze lune al nero con ripieno di ricotta di bufala, cime di rapa e astice blu della Scozia; Capesante alla griglia con lenticchie di Castelluccio e tartufo nero di Norcia; Composizione di agnello; e Fondente allo Zenzero con frappé di Ricotta e Pera, Sorbetto di Zucca. Il prezzo è 210 euro vini esclusi.
Vittorio Virno, patron dell’Ortica (via Flaminia Vecchia 573, 063338709), il migliore ristorante napoletano di Roma, propone come antipasto Polpo con zucca gialla, per primo Calamarata con colatura di alici, per secondo Gamberone al profumo degli agrumi della costiera e misticanza e per dolce Babà con crema allo zabaione e pasticciotto crema e visciole e crema di castagne. Prezzo 100 euro bevande escluse. E a mezzanotte Cotechino della collina salernitana e lenticchie. E a proposito di menu partenopei, questo è quello di Piero&Francesco (via Fabio Massimo 75/77, tel. 063200444), curato dallo chef emergente Marco Coppola: Pane caldo di Grano Saraceno con olio nuovo e Moscardini grigliati; Baccalà Fritto con spiedino di Capitone arrosto e Cipolline rosse di Tropea; Pappardelle di Radicchio Castelfranco ai Crostacei; Zuppa di Gamberi di Fiume; Trancio di Rombo scottato e servito con Patate e Rosmarino fresco; Pasticceria secca Natalizia; Babbà servito con Rhum Zacapa 23 anni (140 euro).
Al Pagliaccio (via dei Banchi Vecchi 19/a. 0668809595) Anthony Genovese ha ideato un menu ricco di aromi di frutta e verdura, come nel Carpaccio tiepido di cervo,fondente di verza e vinaigrette al melograno, nel Duetto di sampietro e fegato grasso in salsa d’agrumi e nel Petto d’anatra al pepe di Sechuan, scalogno brasato, salsa all’uva bianca. I dolci, come sempre, sono curati da Marion Lichtle. Prezzo non disponibile.
Doppia scelta all’Edon del Black Hotel (via Sardiello 18, 0666418483: un menu degustazione carne a 80 euro (tra le proposte Vitello marinato con strudel di caprino, Agnolotti alle tre carni al profumo di salvia, Zuppa di lenticchie con zampone e Filetto di manzo in crosta,salsa ai frutti di bosco ed aceto balsamico) e un menu degustazione di pesce a 100 euro (tra i piatti Gamberi al guanciale con salsa all’aceto balsamico, Risotto allo Champagne con carciofi e cappesante, Minestra di borlotti e sgusciato di mare, Filetto di rombo arrosto con salsa alle olive taggiasche). Prezzi con vini compresi.
Infine una proposta più a buon mercato ma altrettanto allettante. Quella di Zi Gaetana (via Cola di Rienzo 263, tel. 063212342), dove tra Crocchè di patata e ricola con baccalà alla cacciatora, Risottino agli agrumi con arrosticino di pescespada, Arista di maialino alla parmigiana con ossobuco di patate al basilico e una promettente Dolce sinfonia di Natale (trattasi di tre dolci), trova spazio una trasgressiva interpretazione del «topos» di Capodanno: Tiramisù di lenticchie con cotechino al fragolino. Euro 65 esclusi vini e distillati.