L’ultima follia nei giardini pubblici: polpette chiodate per uccidere i cani

Polpette «chiodate» per fare fuori i quattrozampe del quartiere. Una trappola mortale disseminata ieri mattina nei giardini all’angolo tra via Nocera Umbra e via Lugnano in Teverina, nella quale è finito per cadere un pastore tedesco, subito ricoverato e operato presso un veterinario del quartiere. «Lupo», chiamiamolo così, s’è salvato per miracolo. Un episodio agghiacciante, l’ennesimo nell’area tra il Mandrione e il Tuscolano. Basti pensare a qualche mese fa quando bocconcini avvelenati lasciati tra i viali alberati del parco di Villa Lais fecero una strage di mici.
Ieri, la mano del folle che si accanisce contro gli animali è tornata a colpire. Con un blitz architettato ad hoc. Nella carne macinata sono stati inseriti chiodi e spilli, uno dei quali s’è conficcato nella gola di lupo. «Un cucciolo - spiegano i sanitari - probabilmente non avrebbe avuto alcuna possibilità di salvarsi».
Sul posto, avvisati dal proprietario del cane e da alcuni passanti, sono intervenuti i vigili urbani e i medici del servizio veterinario della Asl. L’area in cui le polpette sono state abbandonate è un piccolo appezzamento dedicato proprio a Fido & Co. Una «location» che non dev’essere andata giù a qualcuno che ha pensato bene di sbrigarsela a modo suo.