L’ultima moda, farsi fare il sorriso delle star

L’intervento costa da 1.400 a 2.200 euro ed è indolore. È anche un trucco per matrimoni e colloqui

Manila Alfano

Non si può più credere neppure ad un sorriso. È l’ultima frontiera dell’emulazione, il più innovativo accessorio in fatto di moda, la risposta più facile ed immediata per risolvere piccoli problemi di estetica che arriva direttamente dagli Stati Uniti. È quello che, dopo il botulino e le estenuanti ore passate a sudare in palestra, ti darà una carta in più per sostenere il paragone con le bellezze da Hollywood: un sorriso da star e il tutto senza sentire il minimo dolore.
Per la tua nuova dentatura puoi scegliere il sorriso che ti piace di più, magari proprio quello che invidi da anni alla tua attrice preferita. C’è quello «Tom Cruise» o quello «Brad Pitt» per gli uomini, quello «Angelina Jolie» o «Jessica Simpson» per le ragazze. Si può diventare pazzi come Jack Nicholson in Qualcuno volò sul nido del cuculo o dire a un pianista sottovoce in un locale di Casablanca: «Suonala ancora, Sam». È il falso che vince, la logica di Zelig, la clonazione dei divi di celluloide, la perdita d’identità, l’uno, nessuno, centomila elevato all’ennesima potenza. Un sorriso falso per prendere in giro la vita. O, molto semplicemente, un capriccio per chi ha qualche soldo da spendere e poca fiducia in se stesso. Finora abbiamo provato di tutto: dentifrici innovativi, gomme da masticare che si trovano solo in farmacia, strisce adesive, intrugli della nonna a base di bicarbonato e menta ma niente, la dentatura perfetta restava un miraggio. Ora, grazie all’idea di un’azienda californiana che ricalca i sorrisi migliori per adattarli alla tua mandibola, bastano tre settimane di tempo e il gioco è fatto. Il paziente porta con sé la foto della star, il dentista prende l’impronta e si spedisce il tutto in un laboratorio in California. «La copertura dei denti originari è semplice ed economica da realizzare», spiega Philip Lewis, il primo dentista che ha offerto questo tipo di trattamento in Inghilterra. «La copertura è spessa mezzo centimetro ed è in grado di coprire ogni imperfezione della bocca. Il materiale è estremamente resistente e viene applicato in modo che non possa cadere, è pratico perché si può mettere e togliere quando si vuole e si può anche mangiare senza problemi». In America, dove il dispositivo esiste già da un paio d’anni, è già un successo, soprattutto grazie al fatto che è un sistema semplice e indolore. «È ideale per le grandi occasioni, come matrimoni, colloqui di lavoro o anche solo per emulare le celebrità». Ovviamente il trucco c’è, perché l’impianto non è una soluzione definitiva ma garantisce un ottimo risultato per un breve periodo. Non cura certo le carie, ma nasconde denti storti. «Io stesso ho convinto mia figlia Chloe, che fa la modella, a provarlo. Ha scelto Jessica Simpson che ha un tipico sorriso americano con denti bianchissimi. È stata contentissima».
Il costo per l’operazione si aggira intorno a 1.400 euro per la parte superiore della dentatura e 2.200 per tutta la bocca. «Ma il vantaggio principale - continua Lewis - è che a differenza delle protesi tradizionali che ti restano per sempre, in questo caso, puoi permetterti di provare semplicemente. Se non ti piace fai sempre in tempo a cambiare modello. Come un vestito, la protesi mobile dura dai tre ai cinque anni e poi, puoi sempre decidere di cambiare per un modello più in». L’importante è crederci.