L’ultima moda negli States: armi alla cintura

Da un lato l’Ipod, dall’altro la calibro 22. Perché, negli Usa, non solo si ha il diritto di possedere un’arma da fuoco, ma in molti stati anche di esibirla. Cinturone stile Far West, i coniugi Jensen vanno a fare la spesa nei supermercati o a prendere i bambini all’asilo con la Glock23 al fianco. E nello Utah, così come in molti altri Stati degli Usa, né la gente né la legge hanno niente da ridire.
È il movimento «open carry», ed è in crescita in tutti gli Usa. «Girare armati in pubblico è il nostro modo di far sapere che siamo gente normale con una pistola, niente di più», ha spiegato Travis Deveraux, un attivista del movimento dei pistoleri. L’idea dei sostenitori è che quando uno ha il regolare permesso per portare in giro la pistola, non c’è alcun motivo di nasconderla sotto la giacca. Sfruttando le leggi, permissive in molti Stati, i pistoleri si stanno dando il passaparola in tutta America per difendere quello che ritengono sia un diritto a girare armati in modo pubblico.
Ma molti distretti di polizia non sono dello stesso avviso, e c’è chi si è visto circondato da un plotone di poliziotti e arrestato solo perché girava con la pistola visibile. Ma che è stato subito rilasciato, e con le scuse, perché la legge nello Utah è dalla sua parte. E lo è in molti altri Stati. «Il Paese è cambiato negli ultimi 200 anni, non siamo più nel Wild, Wild West», sostiene John Greiner, uno sceriffo dello Utah che non vede di buon occhio i pistoleri. Restrizioni vere e proprie esistono solo in una manciata di Stati: tra questi, un po’ a sorpresa, anche il Texas, dove per difendere la proprietà si può sparare senza troppi problemi, ma non si può girare come ai tempi dei saloon.