L’ultima moda vip: corna con figlio segreto

Dopo Schwarzenegger e Alberto di Monaco
anche per il magnate Pinault spunta un bimbo fuori dalle nozze con Salma Hayek: la madre è la topmodel Linda Evangelista. Sono rimaste incinte nello stesso periodo. Il tradimento ai maschi non basta più: concepire è segno di possesso

Le corna non bastano più. Ci vuole il marchio del possesso. E del proprio passaggio sui corpi «usati» clandestinamente. L’ultima frontiera del tradimento è il figlio illegittimo o «naturale» o «figlio e basta» come da poco lo vorrebbe definire la nuova modifica apposta al Codice Civile e presentata alla Camera nei giorni scorsi. Forse non a caso, a questo punto... Quella che stabilisce di equiparare i figli avuti all’interno del matrimonio ai figli avuti all’interno di rapporti sentimentali più fantasiosi.

Se un tempo all’uomo era sufficiente essere fedifrago per massaggiare il proprio ego, rinvigorire la propria supponente ma appannata virilità, riscoprire un blando interesse nei confronti della consorte (quante balle...) oggi, evidentemente, sente anche l’esigenza di imprimere un segno tangibile del suo essere «pluri-relazionale», «multi-genitale», «extra-coniugale».

Fino a ieri il problema era che non se la sentiva di procreare nemmeno con la moglie, oggi, viene fuori che non riesce a non mettere incinta anche l’amante. Preferibilmente in contemporanea... Uno di qua e uno di là, per non scontentare nessuno. O forse per scommessa genetica: tanto per vedere in quanti variegati prodotti possono sortire, se scekerati in diversi contenitori, i loro prelibati geni. Se lo faccio con una mora con la pelle scura?... E se invece mi accoppio con una bionda con gli occhi chiari?... Contrasti che devono aver affascinato il magnate francese Francois Pinault (proprietario dei marchi Gucci, Yves Saint Laurent, Bottega Veneta, Puma) ma, soprattutto, relativamente «fresco» marito dell’attrice Salma Hayek e padre (oltre che di Valentina Paloma) anche di un bambino avuto (si è appreso ieri) dalla ex top model Linda Evangelista. Pinault si è aggiunto alla piccola, edificante carrellata formata da Arnold Schwarzenegger (che ha avuto un figlio dalla cameriera) e da Alberto di Monaco, che non ricordiamo nemmeno più quanti ne abbia avuti e soprattutto da chi, ma del quale ne sono emersi altri due alla vigilia delle nozze con l’ex campionessa di nuoto Charlene Wittstock.
Ieri è stata la volta di Salma che, fedele al destino scritto nel suo nome, ha fatto buon viso a cattive corna. Non ha battuto ciglio la procaciotta quando l’algida delle passerelle le ha schiaffato in faccia il certificato secondo il quale il padre di suo figlio sarebbe Pinault (diversissime le reazioni delle altre: la Shriver ha chiesto il divorzio, Charlene ha pianto dall’inizio alla fine della cerimonia nuziale).
Il magnate del lusso avrebbe messo incinta la Evangelista a meno di un anno di distanza dalla compagna ufficiale (Pinault e la Hayek stanno insieme dal 2006, la bimba è nata del 2007, loro si sono sposati nel 2008).

Subito dopo la nascita dell’erede non previsto, la modella aveva messo a tacere i pettegolezzi spiegando che il padre della creatura era un architetto newyorchese. Poi sono arrivate le carte della procura. Tempi dure per le cornute. Sempre più duri. Una volta, se non altro, potevano contare sul primato della genia e dell’ufficilità. Ora la genia la si elargisce a chiunque e la legge si sta attrezzando per rendere ufficiale l’ufficioso. Il che, a voler bene vedere, potrebbe anche significare l’inizio della fine dell’adulterio. I grandi amanti non devono fare figli assieme e soprattutto non devono essere ingabbiati da alcun obbligo, da alcuna burocrazia. Altrimenti diventano solo marito e moglie. Quando tra un uomo e la donna addetta ad infiammargli le lenzuola infili i pannolini del modello sbagliato, la lite sull’iscrizione all’asilo e, soprattutto, l’assegno di mantenimento, vedi come il materasso si raffredda in fretta...