L’ultimo respiro in un camerino

Quando esisteva il teatro milanese... Già: esisteva perché a tenerlo in vita c’erano autori e attori come Edoardo Ferravilla, Cletto Arrighi, Gaetano Sbodio, Davide Carnaghi. E tra loro, uno che riassumeva ed esaltava in sè lo spirito di tutti fu Edoardo Giraud. Lo chiamavano «el frances» forse per via del cognome, ma soprattutto per la creatività vicina ai creatori di vaudevilles, o per la sua intramontabile giovinezza, o per il suo fascino di «tombeur de femmes», o per un lieve difetto di pronuncia. Il Giraud viaggiò spesso e di mestieri ne fece parecchi; ma era e fu sempre il teatro la sua vera, unica passione. E, quasi un segno del destino, fu nel suo camerino, al teatro Apollo di Lugano, mentre si stava preparando per recitare, che «el frances» uscì dalla scena della vita. Era il 18 novembre 1912, aveva 72 anni.