L’unica sorpresa è il campo per il golf in via Corelli

Via libera al campo scuola da golf nel Parco Forlanini. Quattro ettari di terreno tra via Taverna e via Corelli, sei buche, quello che i golfisti chiamano campo pratica. È il primo green pubblico a trovare spazio dentro i confini della città e il progetto è di destinare la mattina a lezioni per le scuole e mantenere apertura libera per il pomeriggio. Non un club, ma un campo golf con scuola federale aperto a tutti.
Sono passati i tempi in cui mazze e handicap erano considerati vezzi da upper class e anche se Milano corre in recupero sul terreno del golf, l’intenzione è rifarsi e promuoverne la diffusione. L’investimento da parte della Federazione italiana golf è consistente: almeno cinquecentomila euro.
L’assessorato allo Sport assicura che i lavori partiranno entro l’estate. Nei giorni scorsi Chiara Bisconti, assessore a benessere, Qualità della vita e Sport ha incontrato i vertici della Federazione italiana golf e confermato il semaforo verde di Palazzo Marino al progetto nato sotto il sindaco Moratti.
Il nuovo campo nasce da un accordo sottoscritto nel 2009 tra la Federazione Italiana Golf e il Comune di Milano, con la firma dell’allora assessore allo Sport Alan Rizzi. La concessione d’uso approvata nel settembre di due anni fa non era però diventata operativa a causa di un parere richiesto al Parco Sud e non ancora arrivato. Proprio per questa ragione alla Federazione Italiana Golf è stata estesa la durata della concessione, che scadrà tra diciannove anni.
Nel novembre 2010 la Federazione ha presentato un ulteriore progetto per la realizzazione della scuola federale, che nel dicembre dell’anno scorso è stato inviato al parco Sud per il parare di competenza, dal momento che l’area concessa alla Fig si trova all’interno del parco gestito dalla Provincia. Il parere del Parco Sud non era ancora arrivato, ma adesso la giunta assicura che la procedura sarà sbloccata. Manca un parere tecnico dell’assessorato all’Ambiente, ma il passaggio dovrebbe essere solo formale.
Il green pubblico aperto a tutti regala a questo sport (che gli appassionati definiscono del corpo e della mente) caratteristiche più simili a quelle dei Paesi anglosassoni, dove è un’attività molto popolare. Tra gli obiettivi della Federazione, promuovere il golf tra i giovani, che tendono ancora a considerarlo uno sport da persone di una certa età, e anche tra i disabili, che possono gareggiare con regolamenti praticamente identici.
Negli anni scorsi non era mancata qualche protesta da parte di coloro che temevano danni per le aree verdi del parco Forlanini. Un altro partito sostiene invece che il campo da golf aggiungerà una grande attrattiva al Parco Forlanini, anche in vista dell’Expo 2015 e dell’arrivo dei visitatori attesi da tutto il mondo.