L’Unione di Centro disunisce centro e sinistra

Rosario Monteleone prende la parola e ringrazia. Ringrazia tutti, quelli che lo hanno votato e quelli che «hanno manifestato il loro dissenso». È di nuovo vicepresidente del consiglio regionale, ma la sua conferma non è scontata, indolore. Nell’urna finiscono anche quattro schede bianche e una nulla. Perché un consigliere (di maggioranza) ha preferito votare per Montella anziché per Monteleone. La Sinistra Arcobaleno, almeno la componente Verde e di Rifondazione, giura fedeltà alle scelte di coalizione, ubbidisce, forse forse è persino contenta di votare un vicepresidente non Pd. (...)