L’Unione stampa 60mila schede

«Al voto, al voto!» incita la sinistra chiamando a raccolta i fedelissimi per le primarie di domenica. Tutto pronto, dunque, per la scelta del candidato a sindaco dell’Unione: si voterà dalle 8 alle 21 in 72 seggi. Sessantamila le schede stampate con i nomi dei tre candidati, Marta Vincenzi, Stefano Zara ed Edoardo Sanguineti. Tutti volontari gli scrutatori, 1100 in totale. Possono partecipare alle primarie, in qualità di elettori, tutti i cittadini che abbiano titolarità del diritto attivo di voto per le elezioni comunali, basta presentare al seggio un documento di identità e la tessera elettorale. Ma gli elettori dovranno sottoscrivere un testo di condivisione del programma dell'Unione e impegnarsi a sostenere alle elezioni il candidato vincitore delle primarie; dovranno inoltre concorrere alle spese organizzative della consultazione devolvendo almeno un euro. Possono partecipare al voto i giovani che compiranno i 18 anni entro il mese di aprile (compreso) e gli immigrati, regolarmente residenti a Genova. Sulla stampa cittadina verrà pubblicato l'elenco dei seggi collegati alle varie sezioni elettorali. Lo scrutinio incomincerà subito dopo la chiusura dei seggi e i risultati dovrebbero essere pronti entro mezzanotte. «C'è attesa e interesse, speriamo che vi sia una buona partecipazione» ha dichiarato Michele Bartolozzi, presidente del Comitato organizzativo, nel presentare la «macchina» del voto. Nella scheda elettorale, di colore arancione, accanto a ciascuno dei tre nomi figura il riquadro nel quale gli elettori tracceranno il segno X in base alla loro scelta. L'ordine dei nomi è stato sorteggiato: in prima posizione Vincenzi, poi Zara e infine Sanguineti. «L'ultima volta si erano verificati disguidi dovuti all'alta affluenza. Questa volta - sottolinea ancora Bartolozzi - non ci vogliamo far trovare impreparati». Agli scrutatori indicati dai partiti si stanno aggiungendo in questi giorni altre persone che si mettono spontaneamente a disposizione. La macchina delle primarie, comunque, sta già lavorando a pieno ritmo. La suddivisione delle schede fra i vari seggi varierà a seconda delle previsioni di affluenza, ma si prevede che il più affollato sia il «50», a Villa Piantelli, in corso De Stefanis, a Marassi, per il quale sono state previste 2.200 schede.