L’Unione tratta ma non trova l’intesa E Prodi sbotta: è colpa della Quercia

Tra stasera e domani l’incarico al Colle. Amato verso gli Interni, si cerca un ruolo per Fassino

Laura Cesaretti

da Roma

Per litigare sui ministri c’è ancora tutta la giornata di oggi e la nottata tra oggi e domani. Presumibilmente Romano Prodi otterrà tra stasera e domani mattina il sospirato incarico di formare il governo e a quel punto, assicurano i suoi, il Professore vuole avere già la lista dei ministri in tasca da consegnare a Giorgio Napolitano, per tagliare corto con l’infinita catena di beghe che i partiti della sua coalizione gli hanno messo ogni giorno sul tavolo.
Ieri notte ennesimo vertice dell’Ulivo, mentre da fuori i «piccoli» bombardavano: l’Udeur annuncia l’appoggio esterno, perché «siamo del tutto insoddisfatti di come si evolve la trattativa sul governo». Anche se a notte fonda per Mastella si profila l’ipotesi del dicastero della Giustizia. La Rosa nel pugno prosegue il pressing su Emma Bonino alla Difesa, raccogliendo consensi trasversali dal centrosinistra (da Maccanico a Cossiga passando per Cesare Salvi). Ma il premier in pectore, raccontano a Santi Apostoli, ce l’ha soprattutto con un partito: la Quercia. «Siamo appesi alle loro guerre intestine da settimane, cambiano idea ogni giorno, ci stanno facendo fare una figura ridicola davanti a tutto il Paese», è il tono degli sfoghi che si raccolgono dalle parti del Professore. Che in questa fase invece pare avere un rapporto idilliaco con Francesco Rutelli, forgiato nella comune battaglia d’interdizione sul Quirinale: i due avevano lo stesso candidato del cuore (Giuliano Amato) e lo stesso timore, l’ascesa al Colle di Massimo D’Alema. Ieri la Quercia ha dato via libera anche alla creazione dei due vicepremier, in condominio Ds-Dl. Saranno, secondo copione, Francesco Rutelli (ministro dei Beni culturali) e Massimo D’Alema (alla Farnesina). L’ok, ormai scontato, è arrivato ieri mattina da una riunione di vertice della Quercia, allargata alle minoranze interne (c’erano Mussi, Salvi e Fulvia Bandoli). Riunione nella quale, raccontano, qualche voce si è levata per dare ragione ai piccoli partiti dell’Unione, in guerra contro l’Ulivo «pigliatutto»: «Abbiamo nove ministeri noi, sei la Margherita e tre Prodi: è decisamente troppo». Il segretario ha indicato le donne da promuovere al governo: Livia Turco (alla Salute), la responsabile femminile Barbara Pollastrini (forse Pari Opportunità) e Vittoria Franco, attuale responsabile cultura al Botteghino e sponsorizzata da Anna Serafini in Fassino. È stata anche affrontata la questione meridionale: nella delegazione ds c’è abbondanza di ministri del Nord, a cominciare dalla superstar Pierluigi Bersani, e neppure un uomo del Sud. Il che ha fatto rialzare le quotazioni del calabrese Marco Minniti: candidato «naturale», per la sua esperienza, al ministero degli Interni («Saresti il mio miglior successore», gli ha detto Beppe Pisanu) o alla Difesa, è tagliato fuori a causa della collocazione di D’Alema, di cui è stato braccio destro al governo: Esteri e Difesa o Esteri e Interno non possono andare allo stesso partito (e stessa corrente). Ieri, in casa ds, si è ipotizzata la sua collocazione alle Politiche comunitarie, o in alternativa a viceministro degli Interni con delega alla Pubblica sicurezza. Ma nella riunione al Botteghino si è anche discusso il caso Fassino: ossia come ottenere da Prodi un’investitura al segretario ds, rimasto fuori dal governo per lasciare il passo a D’Alema, come «coordinatore politico» dell’Ulivo, ossia guida del processo di costruzione del partito democratico che dovrebbe nascere dalla fusione Ds-Dl. Ipotesi che in casa rutelliana trova una risposta poco conciliante: «Al massimo può fare il capodelegazione ds nell’Ulivo». E in casa prodiana l’accoglienza non è più calda: «Se è disposto a rinunciare alla guida dei ds, si può discutere. Altrimenti no: il coordinamento dell’Ulivo lo farà Prodi, non può certo farlo il segretario di un partito».
Altro caso aperto è quello di Giuliano Amato: Fassino e D’Alema, raccontano i ds, lo hanno contattato sabato proponendogli il Viminale. E hanno girato la proposta a Prodi, il quale avrebbe detto: «Amato è una risorsa preziosa, ma visto che lo proponete voi rientra nella vostra quota», ossia rinunciate ad un ministero. Cosa che la Quercia avrebbe rifiutato. Il Professore, secondo i suoi, preferirebbe Amato alla Giustizia o alla Difesa, «dove ci risolverebbe il problema tra Bonino, Parisi e Mastella». La Margherita, che con il dottor Sottile ha ormai un rapporto privilegiato, lo vede bene «dove lui sceglierà di collocarsi». Il gioco dell’oca si chiuderà solo domani.