L’Unità più radical che chic

La nuova Unità di Renato Soru sarà gestita da una Fondazione. Un po’ per evitare i conflitti d’interesse (l’editore è anche governatore della Sardegna, e intende ricandidarsi) e un po’, dicono i maligni, per poter accedere ai contributi pubblici anche quando dovrà rinunciare al finanziamento come organo di partito. Il nome di Guido Rossi nella Fondazione e quello di Concita Di Gregorio per la direzione (in autunno, dicono, quando il giornale sarà stato «ristrutturato») segnalano che il progetto di Soru e di Veltroni è quello di un giornale «fratello» di Repubblica, destinato a coprire il Pd «dialogante» sul fronte sinistro, quello più radical e girotondino, su cui Walter soffre molto la concorrenza di Di Pietro.