L’università fa la dieta Si tagliano i corsi inutili

L’obiettivo del ministero dell’Istruzione è ridurre del 20% entro il 2010 il numero degli insegnamenti.
La "scure" cala sui percorsi di studi che contano il minor numero di studenti

Sforbiciata tra i corsi di laurea negli atenei in attesa della scure che potrebbe abbattersi dal ministero della Pubblica istruzione prima dell’estate. All’inizio dell’anno accademico 2007-2008, lo ricordiamo, i corsi di primo livello (laurea triennale) e di secondo livello (laurea specialistica) erano a quota 5.879. Una pletora di proposte che non giustificavano il numero degli iscritti, a volte ridotti a poche decine. Una situazione più volte criticata dal ministro Gelmini che ha sempre ammesso di non voler penalizzare le materie ma solo quei corsi che non raccolgono l’interesse degli studenti. E molti atenei hanno cominciato a imboccare la via della razionalizzazione. L’obiettivo del Ministero è ridurre del 20% entro il 2010 i corsi di laurea.

E così diverse università italiane iniziano la cura dimagrante, eliminando corsi obsoleti e inutili prima delle iscrizioni dell’anno prossimo. Tra gli atenei più virtuosi spicca quello di Palermo: i tagli ai corsi di laurea hanno superato il 21,20% mentre a Messina è stata finalmente chiusa la facoltà di Scienze statistiche che contava solo 33 iscritti per tutti i corsi di laurea. Ma il lavoro di repulisti non avviene nelle altre città del sud, soprattutto in Calabria dove tutto è rimasto tale e quale a prima. Oppure in Sardegna dove non si è mossa foglia. Anche in Campania, all’Università «Federico II» non è stato fatto un granché, solo un corso di laurea è stato chiuso, e così pure all’Università del Sannio.

Bocce ferme anche in Veneto a differenza dell’ateneo della Capitale: l’Università «La Sapienza» ha tagliato oltre il 15% i corsi di laurea. Anche a Bologna spariranno due corsi: il primo è quello per Operatore giuridico informatico che aveva solo 36 immatricolati, il secondo quello in Archivistica (13 iscritti). Diversa la strategia a Genova. L’ateneo ha deciso di asciugare l’offerta didattica per mancanza di docenti. I corsi sono stati tagliati del 10%, i docenti con più anzianità sono stati pensionati, le undici facoltà regionali in via di accorpamento in cinque scuole, i dipartimenti dimezzati e i poli decentrati riorganizzati. Ma vediamo più in dettaglio cosa accadrà nelle varie università nei prossimi mesi.

TRENTO: Due i corsi tagliati, Scienze storiche a Lettere e Fisica e tecnologie biomediche a Scienze. Disattivato anche il corso di specializzazione a Giurisprudenza.

LOMBARDIA: All’Università Cattolica i corsi soppressi sono 11. A Pavia l’euroateneo ha ridotto i corsi di circa il 10%.

PIEMONTE: All’università di Torino i corsi scendono da 191 a 177, invariata invece l’offerta del Politecnico.

LIGURIA: la razionalizzazione si è fatta sentire con corsi già tagliati del 10%.

FRIULI: Spazzati 14 corsi a Trieste e il 13% in meno a Udine.

TOSCANA: 34 corsi in meno a Siena, 24 a Pisa e 13 a Firenze.

ROMA: All’Università «La Sapienza» sono 46 i corsi eliminati per il prossimo anno accademico e rappresentano il 12,3% rispetto ai 373 esistenti. A Tor Vergata, saranno accorpati otto corsi e un paio a Roma Tre.

PUGLIA: A Bari i corsi passeranno da 159 a 131, a Lecce accorpati una decina, soppressi due a Foggia.