L’uomo che rende le città intelligenti

Fino a tre anni fa Gianluca Moretti, perito agrario, vendeva mangimi destinati a lepri, fagiani, anatre e pernici da ripopolamento. Poi s’è accorto che l’umanità dispone della più grande rete di comunicazione: quella di Lili Marleen. E che ogni palo può trasformarsi in telecamera, punto wifi, accertatore di sosta, stazione meteo e persino jukebox. Così, dalla periferia di Cattolica, con 50 dipendenti e un fatturato di 10 milioni di euro l’anno, è riuscito a piegare colossi come General Electric, Philips, Enel, Telecom. Fino a diventare il pioniere e il leader mondiale delle «città intelligenti».