L’uomo nudo non ferma lady Sharapova

Dementieva ko, la bella russa troverà la Mauresmo. Derby belga Clijsters-Henin

Lea Pericoli

A Wimbledon quattro stupende signore sono arrivate in semifinale rispettando il pronostico. Gli inglesi che da sempre si riservano il diritto di scegliere loro le teste di serie, privilegiando gli specialisti d’erba, si sono semplicemente aggrappati alla classifica. E, come sempre accade in campo femminile, non hanno sbagliato! Domani Amelie Mauresmo numero 1 del mondo affronterà Maria Sharapova numero 4 mentre Kim Clijsters numero 2 se la vedrà con Justine Henin numero 3 in una sfida alla quale assisterà anche l’intera famiglia reale belga. Ieri sul celebre campo Centrale dove stavano giocando due russe bionde e bellissime, Maria Sharapova e Elena Dementieva, è arrivato anche lo «streaker». Il solito inglese nudo con scarpe e calzini è entrato di corsa e ha fatto la ruota davanti al Royal Box. Tra l’imbarazzo generale e le molte risate, la forza pubblica è prontamente accorsa. Gli ha gettato addosso una coperta color geranio e lo ha portato via. Maria indignata ha girato il faccino dall’altra parte; Elena ha sgranato gli occhi poi si è messa a ridere. Il pubblico ha lungamente applaudito. Gli amanti delle statistiche hanno subito rivelato che quello di ieri diventa il quarto «streaker» della storia di Wimbledon. Il secondo in un match femminile: nel primo giocava la Kournikova.
Maria Sharapova ha vinto per 6-1, 6-4. La Clijsters ha battuto la cinese Na Li per 6-4, 7-5. La Henin ha concluso con un doppio 6-4 contro la (qualificata e unica outsider) Severine Bremond. La sola ad arrivare al terzo set è stata Amelie, per le solite incertezze che contraddistinguono il suo gioco. La francese ha lasciato rientrare in partita Anastasia Myskina che aveva cominciato malissimo. Il fatto curioso è che delle 4 signore in questione una sola è riuscita a vincere Wimbledon. Maria Sharapova, la più bella, la più giovane, la più cattiva.
Oggi sono di scena gli uomini: Federer n.1 contro Ancic n.7, Stepanek n.14 contro Bjorkman che non era testa di serie, Hewitt n.6 contro Baghdatis n.18, Nadal n.2 contro Niemenen n.22. Se il bel tempo regge, l’atteso confronto in finale tra Federer e Nadal appare probabile. Abbiamo visto le signore arrivare a 29 scambi per conquistare un punto. I campi di Wimbledon sono ridotti a «erba battuta». A «Rafa», nipotino di Manolo Santana che nel tempio del tennis vinse 40 anni fa, gli Dei della racchetta non chiedono di adeguarsi all’erba perché il sole ha bruciato il verde giardino che ormai non esiste più.