L’uomo torna in passerella Tra vip, gossip e «Bond girl»

Domenica inizia la settimana della moda maschile. Naomi sarà alla Bicocca, il team Ferrari ospite di Dolce e Gabbana

Arriverà di notte per non essere beccata dai fotografi con un aereo privato. Partirà da New York subito dopo le foto della nuova campagna pubblicitaria che la vede protagonista con Tyson (uno dei trenta uomini più belli del mondo) firmata dal fotografo Patrick Demarchelier. Naomi, la top delle top, ciò che ha promesso manterrà. La Pirelli, di cui è testimonial, l’ha invitata per la presentazione della nuova collezione che si terrà nella villa della Bicocca. E lei ha confermato.
L’evento a porte chiuse, superblindato, al quale sono invitati solo pochi eccellenti, ha tutta l’aria di essere uno dei momenti clou della manifestazione. «Milano Moda Uomo», dal 14 al 18 gennaio, apre perciò con notizie succulente che fanno invidia ai gossippari. E tante sono le indiscrezioni che ruotano intorno alla settimana più fashion dedicata all’abbigliamento maschile. A cominciare dalla sfilata di Dolce e Gabbana alla quale parteciperà l’intera squadra della Ferrari da Michael Schumacher a Jean Todt. Accanto a loro, in prima fila, siederà Caterina Murino, la Bond girl, la biondissima italiana della quale si sono già innamorati tutti.
Certo che 51 sfilate, 35 presentazioni e altrettanti appuntamenti non possono che sfornare nomi di richiamo. La più importante vetrina mondiale del prêt-à-porter da uomo si diverte con chi occupa le prime pagine dei rotocalchi. Persino il Nobel Dario Fo debutta nel mondo della moda. Introdurrà infatti la sfilata del marchio Gigli. Per l’occasione l’artista ha creato, con le tecnologie più avanzate, riproduzioni di dieci tele del Mantegna. Le opere, scenografia entro la quale saranno presentati gli abiti che la stilista Gentucca Bini ha disegnato per Romeo Gigli, diventeranno il materiale di una mostra itinerante che partirà dagli Usa.
Alla sfilata anche Philippe Daverio, Vittorio Sgarbi, Umberto Eco, Giò Marconi, Marta e Matteo Marzotto. Da Versace, dove sono ancora top secret i nomi degli invitati, di certo presenzierà Francesco Mondadori, figlio di Leonardo e di Katerine Price, il più giovane consigliere di una squadra di serie A, il Milan, uno degli scapoli d’oro più contesi.
Da John Richmond ci sarà il cantante Coolio vestito da John nel prossimo video. E non si contano i calciatori. Alla presentazione di Facis arriveranno Figo, Stankovic, Cambiasso, Julio Cesar, Iaquinta e il presidente Urbano Cairo, testimonial del marchio. Grande festa all’Eda, per Imatra, la griffe prodotta dal gruppo Gerani e che vanta il volto di Valentino Rossi. Scenografia da Las Vegas da Frankie Morello. Soddisfatto dell’organizzazione Mario Boselli, presidente della Camera della moda: «Non solo, dobbiamo anche essere contenti dell’andamento della moda da un punto di vista economico. La ripresa c’è e si sente. Un grazie anche alle istituzioni: il sindaco ci è accanto e anche la Provincia non ci trascura. Dobbiamo invece tirare le orecchie alla Regione. Ho presentato personalmente al presidente un grande progetto per accomunare insieme in un’unica mostra moda e arte e non ho mai avuto risposta. Ora spero nella Moratti». Immediata la reazione della Regione. «Stupefacente - dice l’assessore all'Industria, Massimo Corsaro -. La Lombardia solo nel 2006 ha finanziato con 5 milioni di euro progetti di innovazione di alto profilo nel campo della moda e, con la stessa cifra, progetti nel campo del design».