«L’uso prolungato può portare dipendenza»

Se utilizzati per periodi prolungati, negli adulti possono portare a vere e proprie forme di dipendenza. Non si sa invece con esattezza quali possano essere le conseguenze sui bambini, poiché non ci sono studi al riguardo, ma sicuramente i tranquillanti a base di benzodiazepine - come i farmaci che sembrerebbe siano stati somministrati ai bambini di un asilo del leccese - vanno somministrati ai più piccoli solo in casi «eccezionali». Pediatri, farmacologi e neuropsichiatri infantili sono d’accordo: dare sedativi a bambini molto piccoli è un «uso improprio, ingiustificato e comunque rischioso». Non è previsto un preciso uso pediatrico delle benzodiazepine, ha spiegato il farmacologo Silvio Garattini.