L’utile quadruplica e il titolo s’impenna

Cremonini

L’annuncio dell’utile netto quasi quadruplicato nel 2005 grazie anche al collocamento della controllata Marr, unito al dividendo in forte crescita, ha spinto il titolo Cremonini in Piazza Affari. Il gruppo modenese, leader in Italia nella produzione di carni bovine e di prodotti trasformati a base di carne, ha strappato un progresso del 5,97% chiudendo a quota 2,25 euro dopo essere salito fino a un massimo di 2,3. Il balzo è accompagnato da scambi boom con ben 2,4 milioni di pezzi passati di mano contro i 238mila di media. Col balzo di ieri il titolo porta quasi al più 11% la performance negli ultimi tre mesi borsitici, mentre resta negativa del 10,5% quella degli ultimi 12 mesi. Il 2005 di Cremonini si è chiuso con ricavi totali consolidati a 2.128,9 milioni (più 6,8%), un utile netto consolidato di 40,6 milioni (10,8 milioni nel 2004). Lo stacco della cedola è previsto per il 22 maggio.