La7 spinge TiMedia Exor perde quota

Un’altra seduta negativa a Milano, piazza peggiore in Europa. Il Ftse-Mib ha perso lo 0,65% a 12.894 punti. Le azioni degli istituti di credito hanno tentato il rimbalzo, fatta eccezione per Mps (-4%). Male anche Exor (-5%). In gran spolvero Generali (+3%), che così ha spinto anche Mediobanca (+0,3%). Parmalat ha ceduto oltre il 3,6% e anche Ferragamo ha lasciato sul parterre lo 0,8%, penalizzata dalle prospettive fosche per l’economia cinese.
Mediaset ha accusato una flessione del 3,4% e Tenaris del 2,17%. Fuori dal paniere principale, sono volate del 6,8% le Telecom Italia Media: l’advisor Mediobanca sta inviando documenti sulla società ai potenziali acquirenti (gruppo L’Espresso e Cairo su tutti). In notevole evidenza Gas Plus (+15%), mentre sono crollate del 10% le Arena.
Chiusura incerta per le altre principali piazze europee: a Parigi l’indice Cac ha segnato un calo dello 0,55%, a 3.030,40 punti, e a Francoforte il Dax dello 0,14% a 6.152,249 punti, mentre a Londra il Ftse ha chiuso in rialzo dello 0,18%, a 5.483,81 punti.