La7, vendita più vicina Stella lascia la guida

Passi in avanti verso la vendita delle televisioni del gruppo Telecom , per le quali, secondo fonti finanziarie, sono già arrivate circa 15 manifestazioni di interesse. Si va alla trasformazione della divisione television in una società ad hoc che si chiamerà La7 srl. Intanto, Giovanni Stella ha lasciato le cariche di vicepresidente esecutivo e amministratore delegato del gruppo Ti Media, mantenendo la carica di consigliere. Al presidente Severino Salvemini è stata attribuita «la responsabilità della gestione strategica e del governo complessivo del gruppo». Il cda di Telecom Italia Media, riunitosi dopo che in mattinata si era svolto il cda della capogruppo, ha esaminato «l’evoluzione del percorso di trasformazione organizzativa e societaria del gruppo, assumendo alcune decisioni di riassetto dell’organizzazione direzionale e della governance aziendale» spiega una nota.
Stella rinunciando alle sue cariche, ma mantenendo il posto in cda, «si è reso disponibile a focalizzarsi in particolare sulla gestione delle attività televisive anche al fine di valorizzare incrementalmente questo asset». A Salvemini sono state attribuite anche «la gestione delle operazioni straordinarie» e la definizione del sistema di controllo interno. A Stella è stata affidata la responsabilità della gestione operativa delle attività televisive del gruppo. Intanto il cda di Telecom - scrive Radiocor - ha rinviato al primo agosto ogni decisione sul possibile esercizio dell’azione di responsabilità nei confronti degli ex manager di Telecom Italia: l’ex ad e vice presidente Carlo Buora, per le vicende relative al procedimento security, e l’ex ad Riccardo Ruggiero per le indagini sulle sim false. Telecom avrà così 4 mesi di tempo per procedere con l’azione di responsabilità, prima che scatti il termine di prescrizione, il prossimo 3 dicembre. L’intenzione di procedere alla convocazione dell’assemblea era stata comunicata durante l’ultima riunione dei soci Telecom, il 15 maggio scorso.