L'Abi: rinegoziati mutui per 5 miliardi 

Sono stati circa 50mila i clienti, alla fine di novembre 2008,
che hanno deciso di sfruttare le opportunità di rinegoziazione dei mutui a tasso variabile previste dalla convenzione
tra il ministero dell’economia e l’Abi

Sono stati circa 50mila i clienti che, alla fine di novembre 2008, hanno deciso di sfruttare le opportunità di rinegoziazione dei mutui a tasso variabile previste dalla convenzione tra il ministero dell’economia e l’Abi. Il controvalore dei mutui rinegoziati con tale modalità è pari ad oltre 5 miliardi di euro.

«Al raggiungimento di questo obiettivo - si legge in una nota dell'Abi - ha contribuito il 92,22% del sistema bancario in termini di sportelli sul territorio che hanno aderito alla convenzione, informato 2 milioni di clienti e gestito 107mila contatti. Alle 50mila famiglie che hanno optato per la rinegoziazione vanno aggiunte le circa 130mila operazioni di rinegoziazione individuale effettuate a partire dal 2007 e le oltre 15mila operazioni di portabilità realizzate da giugno 2008. Ciò significa che dall’inizio della crisi dei mercati finanziari, circa 195mila famiglie hanno trovato una soluzione adeguata al proprio mutuo cogliendo le varie opportunità presenti sul mercato".