Lacrime di gioia di Lele e Amanda: si riapre l'inchiesta

Amanda stavolta sorride e poi piange di felicità. La Corte d’Assise d’Appello di Perugia ha infatti concesso la riapertura dibattimentale del processo e ha disposto che vengano effettuate nuove perizie sul gancetto del reggiseno di Meredith Kercher dove venne isolato il dna di Raffaele Sollecito e sul coltello ritenuto arma del delitto su cui vennero isolati i dna di Meredith Kercher e quello dell’imputata. «Questo è il primo giorno felice dopo tanto tempo», ha detto detto Edda Mellas, la madre della Knox, ieri presente in aula. «Finalmente, dopo tre anni, comincia il processo», ha commentato soddisfatto, l’avvocato Luca Maori, uno dei legali di Raffaele Sollecito, altro imputato, con Rudy Guede, per l’omicidio di Mez