Ladra da record, fermata 117 volte

Non è ancora stato organizzato, ma al campionato per lo straniero che viene fermato più volte nel nostro Paese, la somala di 31 anni potrebbe partecipare con buone possibilità di un ottimo piazzamento. Negli ultimi 13 anni ha infatti collezionato ben 117 tra denunce e arresti, e sempre per taccheggi nei supermercati, attività in cui si era specializzata. Anche troppo, visto che quando l’altro giorno si è presentata alla Esselunga di via Solari gli addetti alla vigilanza l’hanno subito individuata e tenuta sott’occhio.
Senza sospettare di essere pedinata, l’africana ha iniziato ad aggirarsi nel settore alcolici soppesando con occhio professionale le diverse marche di champagne: Moët & Chandon, Veuve Clicquot e altre etichette di pregio. Riempito il carrello si è infilata in bagno dove ha nascosto il bottino nello zainetto. Quindi si è presentata alla cassa con una bottiglietta di Crodino, a fronte di una «cantinetta» da 400 euro. È stata però bloccata dalla sicurezza che ha poi chiamato i carabinieri.
I militari l’hanno portata in caserma per l’identificazione, scoprendo che, pur avendo solo 31 anni, è una vecchia, anzi vecchissima conoscenza. In Italia dal 1997 ha già collezionato infatti 117 tra denunce e fermi, tutti rigorosamente per taccheggio o per aver strattonato il personale di vigilanza per cui il reato si trasforma in rapina impropria. Dai controlli è stato anche accertato come la donna, rigorosamente clandestina, non abbia mai fatto domanda come rifugiata politica. E che non ruba per magiare. Al massimo per bere.