Ladri freddolosi rubano 2mila golf di cachemire

Il colpo, scoperto ieri alle 13 dal proprietario del negozio, ha fruttato un bottino di 200mila euro

Forse quando li ha comprati avrà pensato «Sono talmente belli che andranno a ruba», senza immaginare quanto fosse vicino alla verità. Perché i duemila capi di cachemire sono spariti nel giro di un battibaleno, arraffati non da clienti, bensì da una ben attrezzata gang di ladri che ha messo a segno un colpo, secondo quanto dichiarato dalla vittima, da 200mila euro.
Il colpo è stato scoperto dal proprietario di «Milano Stich» Angiolino M. di 47 anni, che ieri verso le 13 era andato ad aprire il suo negozio in via Varese 4. Scoprendo che i «soliti ignoti» avevano forzato la saracinesca e la porta d’ingresso razziando duemila maglioni in cachemire, e solo quelli. Un bottino piuttosto ingombrante e per portarlo via sicuramente i ladri devono essersi presentati in via Varese almeno con un furgoncino.
Ad Angiolino M. non è rimasto che chiamare il 113 e la polizia ha mandato sul posto un paio di volanti e la scientifica in cerca di indizi utili per identificare i banditi «freddolosi». Impossibile per il momento stabilire l’ora del furto: in quanto gli agenti hanno cercato dei testimoni, ma nessuno in zona ha visto o sentito nulla.
Dato il tipo di furto, la merce rubata e soprattutto la quantità, è abbastanza facile ipotizzare che si sia trattato di un colpo su commissione e che la refurtiva finirà per ricomparire sugli scaffali di qualche concorrente poco onesto dello sfortunato proprietario derubato.