Ladro acrobata, ma con la pensione d’invalidità Pregiudicato di 57 anni è stato arrestato mentre si calava con la corda da una facciata di via Zara

Ufficialmente è invalido al 75 per cento e sopravvive con la pensione di invalidità. Ma quando l’hanno visto appeso a una corda scalare la facciata di un elegante palazzo di via Zara, nel quartiere genovese di Albaro, sembrava non avere alcun problema. Il ladro-acrobata è stato arrestato da una pattuglia della Volante mentre si calava dal balcone di un appartamento con in spalla un sacco con la refurtiva. L’uomo, E.G. di 57 anni, nato a Loano (Savona) ma residente nel capoluogo ligure, è una vecchia conoscenza della polizia: ha trascorso 27 anni in carcere sempre per furti compiuti in Toscana, Piemonte e Liguria. Evidentemente né la sua invalidità, né il regime carcerario l’hanno provato più di tanto visto che per essere un invalido si mantiene in forma.
Nel 2007 insieme a tante altre conoscenze della polizia e dei carabinieri aveva beneficiato dell’indulto e adesso stava scontando una pena accessoria in una casa lavoro di Modena, dove faceva l’imbianchino. In questi giorni era a Genova per un permesso. In casa, gli agenti gli hanno trovato un’agenda piena di indirizzi di case, alcuni ancora da «visitare» mentre altri già depennati, e un’attrezzatura per ogni evenienza. Dalle bottiglie di etere per stordire i derubati (sei litri), alla schiuma per disattivare i sistemi di allarme e poi corde, trapani e una pistola elettrica. Ma non solo: tra gli strumenti del mestiere, la polizia ha trovato anche delle foto scattate da alcuni siti internet. Una sorta di catalogo di arnesi da scasso con tanto di prezzo (Iva inclusa) e descrizione.
Per svaligiare gli appartamenti del Levante cittadino E.G., da professionista metodico e ben organizzato, studiava le abitudini delle famiglie e annotava ogni particolare dopo aver scelto (...)