L'Agcom: "Chiarimenti sul Cavaliere nei tg" Garimberti: riequilibrio

Agcom e il presidente della Rai fanno la voce grossa. Calabrò: &quot;Abbiamo chiesto chiarimenti&quot;. Garimberti: &quot;Serve un riequilibrio tempestivo&quot;<br />

Serve un riequilibrio tempestivo per dare spazio a punti vista di candidati o leader di partiti diversi da quello del presidente del consiglio. Lo chiede il presidente della Rai Paolo Garimberti. "Un conto è dare una notizia, e il primo commento del Presidente del Consiglio ai risultati delle amministrative certamente lo era. Altro discorso - dice Garimberti - è consentire che questa notizia diventi poi una sorta di comizio, per giunta senza un’adeguata compensazione con opinioni di altri candidati. Questo nessun giornalista dovrebbe mai permetterlo, meno che mai i giornalisti del servizio pubblico che devono sempre avere chiara la missione fondamentale che è affidata loro: informare e dare al cittadino la possibilità di avere un panorama completo delle opinioni. Alla luce di quanto accaduto, è necessario che la Rai - per adempiere appieno alla sua missione di Servizio Pubblico - riequilibri tempestivamente - conclude il presidente - dando spazio, sui temi delle amministrative, a punti di vista di candidati o leader di partiti diversi da quello del Presidente del Consiglio".

Anche l'Agcom si è fatta sentire. La Commissione servizi e prodotti dell'Autorità per la garanzie nelle comunicazioni si riunirà lunedì per valutare, ai fini della par condicio, le interviste rilasciate ieri dal presidente del Consiglio alle edizioni serali di Tg1, Tg2 e dei tre Tg di Mediaset. Lo ha dichiarato il presidente dell'Agcom, Corrado Calabrò ai giornalisti a margine del presidio organizzato dal Pd per protestare contro la presenza di Silvio Berlusconi in tv. "Gli uffici stanno lavorando e monitorano ora per ora le situazione", ha affermato Calabrò, aggiungendo che "sono già state inviate due lettere a Rai e Mediaset, nelle quali si chiedono chiarimenti. Tempo 24 ore per avere le controdeduzioni delle due emittenti, e lunedì si riunirà la Commissione servizi e prodotti che è l'organo collegiale che ha la competenza in materia".

Alla domanda se ci sia l'eventualità di sanzioni nei confronti di Rai e Mediaset, Calabrò ha risposto: "Non anticipo mai decisione collegiali. Posso solo dire che è sabato, gli uffici dell'Agcom sono qui al lavoro e stanno, e raccoglieranno tutti gli elementi utili per le eventuali deliberazioni del caso".