«Lak è la cucina del futuro che migliora la qualità della vita»

Snaidero, da più di 60 anni, è una dei più importanti produttrori di cucine componibili, sia in Italia sia in Europa, sfruttando design e materiali all'avanguardia. «La ricerca del design che ci ha sempre spinti a rinnovarci - spiega la presidente Edi Snaidero - ed è sempre andata di pari passo a quella dei contenuti. Nasce così l'ambizioso progetto di ricerca industriale Lak (Living for All Kitchen) che, dopo tre anni di lavoro, è stato presentato allo show-room di via De Amicis a Milano visitabile per tutto il Salone».
Grazie a fondi europei e alla regione Friuli Venezia Giulia, Snaidero, con l'Università di Udine, centri di ricerca e società specializzate in domotica, ha creato, in una logica di «design-for-all», il prototipo di un ambiente cucina attrezzato, capace di dialogare con la persona che la vive e con il mondo esterno. «Comfort, sicurezza, ergonomia, risparmio energetico, adattabilità e socializzazione: sfruttando le tecnologie domotiche; si è creato un nuovo concept di cucina, ricercato nella forma tipicamente Snaidero, ma anche nei contenuti, rendendo l'ambiente più smart e più vivibile. L'obiettivo è migliorare la qualità della vita delle famiglie». Tramite un'interfaccia grafica touchscreen modulare e personalizzabile, l'utente può così accedere a un articolato ecosistema di servizi. Come stoccare la spesa, razionalizzarla in base alla data di scadenza; e, ancora, funzioni di controllo della qualità dell'aria e sistemi di monitoraggi dei consumi energetici e dell'acqua. «Lak è la cucina del futuro. Con questo progetto che vorremmo esportare anche all'estero riconfermiamo la forza dell'Italia come design, creatività, fantasia e tecnologia».MTr