L'altra faccia di Giulio tra solitudini e paure

Tremonti, il ministro più "duro e puro" del governo, temeva di essere
spiato. Anziché indagare, ha cambiato letto. Gli è mancato il coraggio
della politica. Doppio colpo: <strong><a href="/interni/doppio_colpo_ministro_confindustria_molla_e_finanza_smentisce/31-07-2011/articolo-id=537739-page=0-comments=1#commenta">Confindustria lo molla e la Finanza lo smentisce
</a></strong>

Chiamato in causa per un’imbarazzante questione personale, Giulio Tremonti ha reagito da persona perbene che perde la testa. Disabituato a doversi giustificare, per di più dal sospetto di essere un profittatore di case in prestito, il ministro ha svelato più di un lato debole. Quando è emersa la storia dell’appartamento romano di Campo Marzio messo a sua disposizione dal braccio destro, Marco Milanese, Tremonti ha inalberato un viso gelido, che è la sua specialità, per mostrarsi tranquillo. Si è rifugiato nella propria coscienza, che era netta e pulita, e non ha dato spiegazioni. Poi la cosa è montata, come tutto cresce in modo eccessivo in questo Paese, ed è entrato in agitazione. Si è fatto intervistare da stampa e tv, ha rilasciato confidenze per dire che non aveva «rubato agli italiani» - cosa di cui nessuno dubitava - che la sua era stata solo una superficialità, senza reati o danni per chicchessia. Poi - presumo per quella sorta di panico che afferra le persone più abituate a mettere che a stare sulla graticola - è andato ultra petita, avanzando una stupefacente giustificazione non richiesta. Ha detto di avere accettato di abitare nell’appartamento di Milanese perché nella caserma della Guardia di Finanza che lo ospitava «mi sentivo spiato, controllato in qualche caso perfino pedinato». Così sono nati gli interrogativi su ciò che abbia inteso dire.

Il ministro, freddo e calcolatore di fronte alla crisi economica e alla vertigine del deficit pubblico, ha dimostrato una straordinaria vulnerabilità appena la sua immagine è stata messa in discussione. Gli è mancato il coraggio della politica. Non ha sentito l’imperativo categorico della missione da compiere prescindendo da se stesso e dagli alti e bassi delle circostanze. Mi ha ricordato una vicenda analoga di cui sono stato testimone e che riguarda Giovanni Spadolini, altra persona perbene e di valore, ma... Lo stesso ma che oggi vale per Tremonti.

Accadde una trentina di anni fa, non ricordo se Spadolini fosse ancora premier o poco dopo. Il deputato Mario Capanna, ultrasinistro ed ex capo del Movimento studentesco, lo accusò (o meglio, gli ricordò) di essere stato fascista all’età di 19 anni e di avere, in quanto tale, collaborato a un foglio fiorentino di regime. La cosa era nota a tutti ma egualmente Spadolini, che era un nume portato a catoneggiare, si sentì inerme di fronte all’accusa, si mise sulla difensiva e balbettò qualche scusa. Come Tremonti oggi, ferito sul piano personale, dimenticò se stesso e il ruolo che rivestiva nella Repubblica, trasformandosi in un fanciulletto impaurito. Giuseppe Saragat, l’ex capo dello Stato, che era stato esule antifascista e ne aveva viste di cotte e di crude, osservando le contorsioni spadoliniane disse: «Non conosce il dolore». Ossia, non è temprato alla vera politica, quella che lotta, non si arrende, né si perde in un bicchier d’acqua.

Tornando al ministro, ancora più indicativa della sua mancanza di temperamento politico reale - aldilà del carattere duro e intrattabile - è la curiosa decisione di traslocare per il sospetto di essere spiato dai finanzieri. Ma come? I finanzieri sono il braccio armato del Fisco di cui Tremonti è, tra molte altre cose, il titolare. Sono, cioè, la sua milizia. Ti nasce il dubbio di essere pedinato da loro, che siano infedeli al mandato, potenzialmente golpisti, al servizio di qualcun altro che non sia la propria legittima autorità politica e tu che fai? Alzi i tacchi e te ne vai, quasi fuggendo, in una tranquilla magione del centro romano, voltando le spalle al verminaio intravisto senza accertare il vero stato delle cose?

Qui siamo aldilà della timidezza, questo è abdicare all’esercizio delle funzioni. La Guardia di Finanza è un corpo armato con cui i cittadini hanno a che fare ogni giorno. La letteratura sui suoi presunti abusi è infinita. Tanto che, prendendo al balzo le accuse del ministro, il sottosegretario pdl Crosetto, imprenditore nella vita, le ha fatte proprie dicendo che le Fiamme Gialle andrebbero meglio controllate. Il contrario di quello che ha fatto Tremonti. E se non lui chi? Avendo toccato con mano che qualcosa non va, invece di approfondire, sollevare da terra il comando generale, rovesciare le scrivanie per vederci chiaro, il ministro se ne lava le mani e lascia ad altri la patata bollente. Ma non ci sono altri, non c’è che lui, la milizia è sua e ha il dovere politico e civico di eliminare il marcio, se c’è, e comunque di rassicurarci. Perché, se lui per non essere spiato ha potuto cambiare casa, noi non possiamo diventare nomadi per sfuggire Caino (nome popolare delle Fiamme gialle). Dobbiamo poterci fidare e sapere che se i finanzieri dirazzano, c’è un’autorità politica che li imbriglia. Al momento, questa assicurazione manca e non si vede quando l’avremo di nuovo.

Ministro, lei ha scagliato il sasso e nascosto la mano. Una reazione istintiva, un po’ come ha fatto tacendo dopo le prime accuse. Rimedi lei stesso. Ora che ha lasciato la casa di Campo Marzio, torni in caserma e invece di farsi pedinare, pedini lei. Oppure ne tragga le conclusioni.