Landi: «Corsi per dipendenti del Comune»

Come fanno i sordi a farsi fare un certificato in un ufficio dell’anagrafe, se nessuno è in grado di parlare la loro lingua? Lo stesso problema lo incontrerà un non vedente, che da solo sarà in difficoltà a raggiungere lo sportello giusto nel labirinto degli uffici comunali. Queste le domande che l’assessore alla Salute di palazzo Marino, Giampaolo Landi di Chiavenna si pone da tempo, tanto da averne parlato anche con il sindaco Moratti.
«Serve del personale specializzato negli uffici comunali, che sia in grado di comunicare con una persona non udente in modo appropriato - riflette l’assessore Landi di Chiavenna -, al momento nei nostri uffici nessuno è in grado di farlo. Lo stesso problema vale per le persone non vedenti,che avrebbero bisogno di qualcuno che accompagnasse la persona a prendere il biglietto per la coda e che la indirizzasse allo sportello giusto».
Al momento, infatti, i portatori di handicap sono costretti a farsi accompagnare da un interprete: «Quali documenti servono per avere un dato certificato, sono cambiate le procedure per il rinnovo della carta d’identità?».
Un’esigenza sentita nella vita di tutti i giorni, ma che diventa ancora più urgente in vista di Expo: «Per Expo, per cui sono attesi 30 milioni di visitatori - commenta l’assessore alla Salute -. Milano dovrà essere in grado di far fronte alle esigenze di tutti. Ecco allora che con il collega ai Servizi civici, Stefano Pillitteri abbiamo pensato di realizzare un corso specifico per i dipendenti comunali. L’idea, cui tengo molto e che mi piacerebbe riuscire a realizzare a breve, sarebbe quella di far partecipare un primo blocco di persone».