L'app che dà la parola a bimbi autistici o afasici

È stata ideata dal team dell'area Special needs di Neocogita, con il supporto di Samsung, la nuova soluzione tecnologica Blu(e) che permette di dare voce a chi soffre di patologie come autismo e afasia. Si utilizza con tablet per dare una voce, naturale e non sintetizzata, ai bambini autistici o con difficoltà di parola. Il comunicatore è completamente personalizzabile in base all'età e al genere, dal singolo utente (da un genitore o da un assistente) che potrà utilizzare gli stessi simboli e la stessa organizzazione spaziale già appresa con l'ausilio cartaceo. Il sistema si interfaccia anche a una piattaforma online.