Dalla Lapponia ai Caraibi: le idee viaggio per Natale

Dalla casa di Santa Claus a una notte in igloo: ecco le mete alternative

Eleonora Barbieri

da Milano

Meno ventisei: a Rovaniemi, «capitale» della Lapponia, il conto alla rovescia è il più atteso dell’anno. Qui infatti, perennemente immersa fra metri di neve, si trova la casa di Babbo Natale, meta di pellegrinaggio per turisti e bambini di tutto il mondo. È una delle mete alternative per le prossime feste, programmi di viaggio di chi non ama le tradizionali vacanze tutto compreso.
Così chi decide di passare le vacanze natalizie nella calotta artica potrà godersi la vita di Santa Claus in ogni dettaglio. Vicino a Rovaniemi si trova infatti il Santa Park, un parco di divertimenti rigorosamente a tema. C’è l’ufficio postale, dove Babbo Natale smista le letterine ricevute; e, soprattutto, si può provare a trascorrere un’intera giornata come aiutante di Santa Claus: esiste una vera e propria «scuola» per addestrare gli aspiranti assistenti, fra slitte, renne e giochi. Con Arctic team seiviaggi, proposte a partire da 1.189 euro per gli adulti e da 720 euro per i bambini fino a 11 anni. Per informazioni, vacanzeinfinlandia.it.
Vacanze polari. Chi ama i ghiacci e le temperature sottozero può rimanere ancora qualche giorno in Finlandia: nel Paese il Natale è davvero speciale, e non solo per la neve. Molti alberghi offrono la possibilità di partecipare alle classiche tradizioni locali: la preparazione dei biscotti (i «piparkakku», pepati e a forma di folletti, fiori, porcellini e stelle), la decorazione dell’albero, visite ai concerti di Natale e, ovviamente, la Messa. Da non perdere anche la «joulusauna», una sauna particolarmente rilassante, tipica del pomeriggio della vigilia. E a Kemi si trova il «LumiLinna», un castello di neve e ghiaccio, dove si può anche alloggiare (www.snowcastle.net).
In Italia, l’atmosfera glaciale si può ritrovare in provincia di Pordenone: in Valcellina, vicino al lago Barcis, è stato infatti ricreato un villaggio eschimese. Bisogna salire fino a 1.600 metri d’altezza, alla radura del Monte Ressetum, dove sono state ricostruite le tipiche abitazioni degli Inuit, gli igloo: ce ne sono quindici, attrezzati per due persone. Prima di dormire fra i ghiacci, però, meglio seguire il corso di sopravvivenza: le guide alpine insegnano come preparare un riparo d’emergenza nella neve, e qualche trucco per la vita quotidiana ad alta quota. Per informazioni, Consorzio Valcellina, tel. 0427/878416.
Gardaland. È il parco di divertimenti più famoso d’Italia. L’«inverno magico» comincia il 3 dicembre, e continua fino all’8 gennaio, con l’eccezione del 25 dicembre e del primo dell’anno. Sculture di ghiaccio, abeti, decorazioni, luminarie, fate del Natale: per non perdere neppure un dettaglio, si può cominciare con un giro a bordo della slitta di Babbo Natale; e poi proseguire fra i chioschi in legno, dove si possono acquistare dolci, regali e anche addobbi e oggetti d’artigianato. Anche gli spettacoli sono interamente dedicati al Natale: dall’«Happy Christmas Show» al Teatro del dragone al «Gran galà on ice», con protagonista la fatina Fiocco di neve, fino alla «Christmas light parade», con una sfilata di carri, inclusa la slitta di Santa Claus. È possibile anche dormire nel parco, pernottando al Gardaland hotel resort: per informazioni, 045/6404000.
Parigi e Disneyland. Chi vuole trascorrere il Natale in una delle città più romantiche del mondo e godere della compagnia dei personaggi più amati dei cartoon può volare a Disneyland resort Paris. Il parco è sempre aperto, dalle 10 alle 20, tutti i giorni. Alberi addobbati, camini e decorazioni in ogni albergo; e per l’Epifania chi prenota due o tre notti potrà usufruire di un’offerta speciale: i bambini non pagano, mentre gli adulti potranno godersi una notte in più gratis.
Per le bambine c’è anche la possibilità di trasformarsi in una delle «principesse» Disney: all’arrivo troveranno il guardaroba di Cenerentola, Belle, Biancaneve, Aurora e poi potranno anche farsi truccare dagli esperti dell’atelier. Nel parco, oltre ai giochi e ai mercatini (al Disney village, in pieno clima «bavarese» e al Villaggio di Natale di Belle) protagoniste sono le sfilate dei personaggi Disney: dallo spettacolo sul ghiaccio di Topolino alla parata notturna di Fantillusion, dalle Fiabe incantate alla magia di Campanellino, che «accende» il Castello della Bella addormentata che si ricopre di ghiaccio luccicante. L’ingresso costa 42 euro per gli adulti e 34 per i bambini fra i tre e gli undici anni: informazioni e prenotazioni allo 02/2154445. E per raggiungere la capitale francese, fino al 20 dicembre il biglietto del treno costa 25 euro: si può partire da Milano, Novara, Vercelli e Torino, viaggiando in seconda classe e soltanto di giorno a bordo dei Tgv Ardesia. L’offerta è di Rail Europe (02/72544350).
Mare a tutti i costi. I Caraibi sono la destinazione preferita di chi sceglie di passare le vacanze in crociera: feste, pattinaggio sul ghiaccio, messa di Natale a bordo delle Royal Caribbean international & celebrity cruises. Viaggi a tema per Msc Crociere: le pietre preziose per il Sud Africa, il bridge o i viaggi «Zelig» all’insegna delle risate. Fra le destinazioni più gettonate la Libia: Costa Crociere offre anche dei pacchetti «Prenotasubito» da 1.425 euro per Natale e 1.745 euro per Capodanno, mentre per il Mediterraneo i prezzi scendono rispettivamente a 580 e 1.220 euro.
Mercatini e città. Per tutti, in attesa delle ferie, i classici mercatini: in Alto Adige, a Trento, Bolzano e Merano; oppure a Friburgo, in Baviera o a Vienna, una delle capitali più classiche per trascorrere le vacanze di Natale. Gettonate anche le altre città danubiane, Budapest e Bratislava. I più tradizionali, invece, «ripiegano» su Londra e New York.