L'Aquila, servizi per gli sfollati: firmati i pagamenti

Firmati i
mandati di pagamento, in favore degli albergatori della provincia
dell’Aquila che ospitano i terremotati, per un importo di 2,6
milioni di euro, a copertura delle spettanze fino al mese
di febbraio. Chiodi: "Inaccettabile e disumano
l’atteggiamento di certi imprenditori"

L'Aquila - Il commissario delegato per la Ricostruzione, Gianni Chiodi, conferma di avere firmato oggi mandati di pagamento, in favore degli albergatori della provincia dell’Aquila che ospitano i terremotati, per un importo di 2 milioni e 600mila euro, a copertura delle spettanze fino al mese di febbraio. E' di oggi l’annuncio della Federalberghi aquilana di volere bloccare domani i servizi agli sfollati per il mancato pagamento di quanto di loro spettanza.

L'accusa di Chiodi Duro il commissario Chiodi: "E' inaccettabile e disumano l’atteggiamento di certi imprenditori che, minacciando di interrompere i servizi agli sfollati, cercano di far leva sul disagio di persone, già così duramente colpite, per ottenere condizioni diverse da quelle concordate ed accettate da tutti gli operatori abruzzesi". "Paradossalmente, chi si lamenta - precisa Chiodi - è chi ha ricevuto maggior vantaggi, rispetto ai colleghi non aquilani, avendo incassato due mensilità in più. Vorrei anche stigmatizzare come siano proprio gli albergatori del capoluogo di regione a mostrarsi meno solidali verso i concittadini aquilani". "Gli albergatori che hanno deciso di accogliere la popolazione terremotata - ricorda ancora Chiodi - sapevano sin dall’inizio quali fossero le condizioni cui andavano incontro, certamente convenienti per loro. Invito quindi - esorta il Commissario in conclusione - tutti coloro che continuano a sollevare polemiche inutili, strumentali e pretestuose, a mettersi a lavoro con serenità, con spirito collaborativo e nel solo interesse della popolazione aquilana che ha bisogno del contributo e dell’impegno di tutti".