«Largo ai giovani» della Cdl

Obiettivo: conquistare Monza. Impegno che i giovani della Cdl hanno messo nel mirino per mandare a casa la sinistra di Michele Faglia and company. In prima fila è Andrea Colombo, diciannove anni (il più giovane candidato di Forza Italia), che è supportato dai liceali del Collegio San Giuseppe-Villoresi oltreché dalla comunità giovanile monzese di Forza Italia.
Giorno dopo giorno, Andrea Colombo incontra la città e ai giovani offre quattro idee forti («internet, disabili, sport e cultura») ma anche una certezza, «bisogna andare oltre il concetto di opposizione che distrugge». Certezza che rende Colombo assai gradito in tutti quegli ambienti monzesi dove si vuole un governo alternativo a Faglia e capace di praticare il ruolo delle regole.
E mentre Andrea Colombo fa sottoscrivere al candidato sindaco del centrodestra Marco Mariani un patto per i giovani, con l’aggiunta delle «quattro idee forti» del suo programma elettorale, c’è un’altra candidata al consiglio comunale che conquista consensi per il centrodestra: Roberta Calloni. Ventottenne, impegnata nella Lega Nord dal 1995, Roberta si è candidata perché «è doveroso partecipare al rinnovamento della classe dirigente locale». Partecipazione che fa con «umiltà e determinazione», quella di chi ha sulle spalle un cammino fatto «di spirito di servizio, sacrificio e attenzione ai bisogni di tutti». «Attenzione» che la leghista Roberta Calloni declina in «nuovi spazi e occasioni per i giovani», in «maggiori risorse per il turismo a Monza» e nell’«incentivazione della pratica sportiva».
Temi che vanno di pari passo con quelli dedicati alle donne e alla sicurezza. Volontà di fare che caratterizza due giovani candidati della Cdl pronti ad entrare in consiglio comunale con l’entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco.