Lasciò aperto il gas in casa Accusato di strage

È accusato di strage per aver creato una situazione di pericolo lasciando aperto il gas in casa, Giorgio Gallo, che viene processato in questi giorni in Corte d’Assise. L'episodio risale al febbraio 2004 e l'imputato è in galera, malgrado abbia sempre respinto l'accusa di aver volontariamente aperto il gas, sostenendo che la fiamma del fornello era stata spenta dal liquido fuoriuscito accidentalmente da un pentolino. Dopo l’udienza di ieri - alla quale hanno preso parte testi e consulenti tecnici - martedì verrà sentito l'imputato.