Il lasciapassare rom: «Non potete arrestarci Abbiamo la scabbia»

(...) Sì, d’accordo, c’è stata una campagna di dissuasione, sono intervenuti i vigili che, del resto, avevano appena allontanato anche i giocolieri, quelli che, quando scatta il rosso si piazzano in mezzo al crocicchio e fanno girare le palle. Le loro e di chi assiste. Che si chiede perché, nella «città dei diritti», «Genova più bella, più tua» - copyright Marta Vincenzi - la città, la nostra Genova sia soprattutto loro. E provate un po’ voi - ma sì, lo so, che non vi passa neanche per la testa - a dire e fare quello che hanno detto e fatto ieri due ragazze di origine rom sorprese a rubare all’Ipercoop di Bolzaneto: «Abbiamo la rogna, lasciaci andare, non ci toccare» è stata la loro reazione di fronte all’addetto alla sicurezza che le ha fermate. Il vigilante non s’è lasciato intimorire, ha chiamato la polizia e le ha consegnate alla pattuglia. Le due rom, di 22 e 14 anni, prima sono state portate in ospedale dove i medici hanno escluso che fossero affette dalla scabbia, poi sono finite in questura. È sfuggita alla cattura, invece, una terza ragazza che, con le «colleghe» aveva tentato di rubare generi alimentari sostituendo l’etichetta con codice a barre prima di presentarsi alla cassa automatica. La ventiduenne è stata denunciata per furto aggravato in concorso, mentre la quattordicenne è stata affidata a un parente. Provate un po’ voi. Quasi alla stessa ora, un cittadino rumeno di 28 anni è stato sorpreso con patente falsa alla guida di un’auto priva di assicurazione. Ha detto che aveva appena comprato la macchina da uno di cui non conosceva le generalità... Denunciato per ricettazione, uso di atto falso e guida senza patente. Esageriamo? O sono «loro», i veri padroni della città, che esagerano?